PERIODO “NERO” PER IL SANTA CROCE CALCIO. IL PRESIDENTE MICIELI: “SFORTUNA…MA QUANTI ERRORI DA PARTE NOSTRA!!!”

SPAZIO PUBBLICITARIO

AZIENDA PARTNER

 

È nel momento più freddo dell’anno che il pino e il cipresso, ultimi a perdere le foglie, rivelano la loro tenacia. Spesso è la tenacia, non il talento, che governa l’andamento di un campionato. Un periodo sicuramente infelice frutto di grossolani errori e tanta sfortuna non ultimo la “gara” dell’Aldo Campo contro il Ragusa.  Il Santa Croce calcio prova a risalire la china in una fase del campionato che vedrà la compagina del cigno impegnata in una gara impegnativa, all’inizio del nuovo anno, contro il Rosolini in trasferta e il Paternò, la domenica successiva, in casa. “Siamo consapevoli di un momento difficile –spiega il presidente Giuseppe Micieli – frutto sicuramente di tanta sfortuna ma di errori grossolani della nostra compagine. Stiamo parlando della gara di Carlentini e del derby, a Ragusa, persa in malo modo dopo aver giocato sicuramente bene. L’espulsione di Ciccio Leone per fallo di reazione (4 giornate di squalifica) ha condizionato l’andamento del mach. Sulla partita contro il città di Sant’Agata è inutile continuare a parlare, dopo aver visto e rivisto le immagini. Siamo difronte ad una gara assurda da parte della terna arbitrale Chiediamo ai nostri giocatori il massimo impegno per far fronte ad una situazione di emergenza in virtù delle tante assenze che ci saranno”. La Società del Cigno- giocatori e dirigenti –  si sono dati appuntamento, venerdì sera, al Giardino di Bianca, a Punta Secca,  per il tradizionale scambio di auguri. “Sarà comunque una serata di festa –aggiunge il presidente -vogliamo guardare in maniera positiva per il nostro cammino. L’obiettivo prioritario è la salvezza e siamo certi che la nostra squadra inizierà il nuovo anno nel modo migliore. Auguri di buone feste ai giocatori, alle loro famiglie, ai nostri Super tifosi, agli sponsor!!!!”