IL CIGNO FUORI DALLA ZONA PLAY OFF. IL PRESIDENTE MICIELI. “PER NOI ANCORA 8 FINALI DA DISPUTARE”

SPAZIO PUBBLICITARIO

AZIENDA PARTNER

Nessuno può tornare indietro e ricominciare da capo, ma chiunque può andare avanti e decidere il finale. Oggi è difficile, domani sarà ancora peggio, ma dopodomani ci sarà il sole. Seppur distante dalla zona play off il “finale” di questo campionato, per L’Upd Santa Croce calcio, non è stato ancora scritto. Una sconfitta che pesa, sicuramente, sull’economia del campionato ma in tanti, tra i dirigenti e tifosi, sognano ancora un posto nella griglia dei play off. “Siamo stati puniti da alcuni episodi – spiega il presidente dell’Upd Santa Croce, Giuseppe Micieli – mi riferisco al primo gol del Palazzolo con l’attaccante gialloverde in sospetto fuorigioco e al rigore, assai dubbio, a nostro sfavore. Se l’arbitro ha giudicato fallo da rigore ne doveva assegnare uno anche al Santa Croce su atterramento, in area, del nostro Ciccio Leone. Il calcio è anche questo. Lo accettiamo, come sempre abbiamo fatto, con grande sportività ma dobbiamo andare avanti e lottare per nostri obiettivi”. Una partita dal risultato quasi scontato domenica prossima contro l’Atletico Catania. “Mancano alla fine del campionato ancora 8 partite – aggiunge il presidente – e la matematica ci dice che possiamo ancora lottare per la griglia dei play off. Mi auguro che ci sia da parte di tutti i nostri tesserati sempre il massimo impegno per i onorare al meglio la gloriosa maglia dell’Upd”. Giocare in questo terreno gioco, ridotto oramai in pessime condizioni, diventa estremamente difficile per tutti. Da tempo si parla di realizzare il manto in erba sintetica. Nella vicina Marina di Ragusa, ad esempio, tra breve,sarà realizzato il campo in sintetico. “Il nostro auspicio che ci sia la volontà,da parte del Comune, di realizzare una struttura al passo con i tempi – commenta il presidente Micieli – capite bene che il manto in erba sintetica è una scommessa importante per il futuro della nostra comunità”.