Santa Croce sotto shock! Lucenti:"accettiamo la sconfitta ma quanta amarezza"

Santa Croce sotto shock! Lucenti:"accettiamo la sconfitta ma quanta amarezza"


Spazio Pubblicitario
Partner Ufficiale

Gli episodi visti sabato scorso al “Kennedy”, sicuramente, non hanno fatto bene al movimento calcistico regionale che né è uscito nettamente sconfitto. Ma, chi ne ha pagato amaramente le conseguenze è stato il Santa Croce che nell’intento di confrontarsi alla pari contro una “big” del campionato, ha dovuto subire decisioni e prese di posizioni che hanno direzionato la gara a favore degli avversari. Il grande sforzo della squadra di Gaetano Lucenti è stato così vanificato da sviste che hanno punito i biancazzurri aldilà dei propri demeriti, lasciando tanto amaro in bocca e un immenso sconforto. Eppure il Santa Croce, nonostante, il dubbio rigore concesso al Palazzolo dopo pochi minuti di gara, era riuscito a recuperare la partita nel finale di primo tempo grazie alla rete di Fiore. Nel secondo tempo i biancazzurri stavano cercando di contenere la forza propulsiva degli avversari che, comunque, non riuscivano a centrare l’obiettivo, ma, ci pensavano i direttori di gara a cambiare il verso alla gara, con due decisioni tanto grossolane che sembrava impossibile che fossero state concesse. Nella prima hanno concesso la rete a Frittitta nonostante fosse in netto fuorigioco di un metro abbondante e nella seconda che è valsa la terza rete del Palazzolo, il direttore di gara da una distanza siderale dall’azione di gioco ha invitato a continuare, nonostante, il suo primo assistente era fermo con la bandiera alzata per segnalare l’off side di un giocatore gialloverde. La dirigenza biancazzurra a fine gara era sgomenta per l’accaduto, soprattutto, dopo aver rivisto le immagini della gara che hanno evidenziato i torti subiti. La società si riserverà in settimana di prendere le dovute decisioni per salvaguardare i tanti sacrifici sostenuti per affrontare un campionato importante quale è quello di Eccellenza.Della gara di oggi mi è rimasto l’amaro in bocca per il risultato che è stato bugiardo e caratterizzato da sviste che sono andate aldilà dei nostri demeriti. – dice mister Gaetano Lucenti – Certe cose nei campi di calcio non dovrebbero vedersi, ma, tutto ciò non toglie l’ottima prestazione fatta dalla mia squadra contro una compagine importante, costruita per il salto di categoria e composta da giocatori che con il campionato di Eccellenza c’entrano poco.  Abbiamo fatto la nostra partita, aggredendo i nostri avversari dal primo all’ultimo minuto, facendo anche ottime giocate e cercando sempre il fraseggio e la superiorità numerica sia in ampiezza che in profondità. Questo atteggiamento ci stava premiando, ma, poi sono subentrati quegli episodi che non voglio neanche commentare che ci hanno penalizzati più del dovuto. Adesso dobbiamo cambiare pagina alla svelta e pensare alla prossima gara che sarà uno scontro diretto, fuori casa contro lo Jonica. Dobbiamo farci trovare pronti, perché domenica sarà un’altra battaglia, in un campo in terra battuta, contro un avversario ostico che nell’ultima sessione di mercato ha cambiato pelle e che come noi ha l’obiettivo della salvezza. Domenica andremo a giocarci la partita con la consapevolezza delle nostre qualità che finora hanno mostrato alle altre squadre di che pasta siamo fatti. Se, i ragazzi giocheranno con l’atteggiamento visto oggi in campo e con questo modo di interpretare le partite, sicuramente gioiremo, anche se, in questo momento del campionato, stiamo seminando tanto e raccogliendo poco, ma, sono convinto che la tendenza cambierà. Voglio mettere una pietra sopra la gara contro il Palazzolo, perché il calcio mi ha insegnato che bisogna saper perdere, nonostante, situazioni poco chiare. Ritorno a dire che a noi interessava fare una buona prestazione, perché tante volte i buoni risultati sono il frutto delle buone prestazioni, ma, oggi sfortunatamente non è stato così. Abbiamo fatto una prestazione maiuscola e dobbiamo preparare lo scontro diretto di domenica prossima con maggiore intensità, perché sappiamo che se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo dovremo conquistarcelo noi perché nessuno ti regala nulla. Quindi lavoreremo per questo, lavoreremo per giocarcela settimanalmente e per vendere cara la pelle”.           .   

www.updsantacroce.com

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *