S.Croce, la società vicina alla squadra: “piena fiducia al gruppo, vietato mollare”

“ Rimboccarsi le maniche e ripartire a fare punti per difendere la terza posizione in classifica”. Questo è il “dictat” imposto dai due tecnici La Vaccara e Buoncompagni in vista della gara di domenica prossima contro il Città di Catania. La sconfitta interna contro la capolista Sicula Leonzio ha di fatto sconvolto il morale dei giocatori biancazzurri, soprattutto, per come è arrivata. In settimana, i due tecnici hanno parlato tanto degli episodi che sono costati cari al Santa Croce, nell’intento di correggere e evitare che determinati errori si ripetano. La stagione agonistica, infatti, sta volgendo al termine e il Santa Croce sarà in prima linea sia campionato che in coppa. I camarinensi, domani(domenica) a Catania si giocheranno una gran fetta dei play off e mercoledì prossimo la semifinale di Coppa Italia nella gara di ritorno contro lo Sporting Taormina. Ci sarà, quindi, da stringere i denti e trovare quella concentrazione e quella verve che nel recente passato ha posto il Santa Croce come rivelazione del girone. “Non dobbiamo mollare nel momento più bello. – dice il vice presidente Fabrizio Arestia – La gara di domenica scorsa è stata condizionata dagli episodi, ma, non ha scalfito il nostro valore. I ragazzi hanno dato il massimo e sia la dirigenza che i sostenitori sono stati contenti per lo sforzo che hanno fatto. Adesso dobbiamo continuare a fare punti e domenica con una vittoria potremmo già chiudere i conti per l’approdo nei play off”. I due tecnici per domenica dovranno, ancora, fare a meno di Damiano Buscema, mentre, rientrerà il giovane Scribano che domenica scorsa era assente. La gara si giocherà allo stadio del quartiere “Zia Lisa” di Catania e avrà inizio alle ore 15.00, a dirigere la gara sarà il signor Antonino Puglisi di Siracusa che sarà collaborato dai signori Regolo e Patanè di Acireale  .

 FABIO FICHERA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*