Nassi risveglia il Santa Croce a Scordia. Lucenti:” La squadra ha un’identità ”.

Nassi risveglia il Santa Croce a Scordia. Lucenti:” La squadra ha un’identità ”.

Un pareggio importante, quello conquistato a Scordia, ma, soprattutto un punto pesante che alimenta la classifica del Santa Croce.  I biancazzurri domenica hanno giocato con il cuore, dando intensità alla gara fin dalle prime battute. I biancazzurri hanno sfiorato più volte la rete, soprattutto, nel primo tempo con Tony Scerra, ma ad inizio ripresa hanno subito il ritorno dei locali che su un calcio di rigore molto dubbio sono passati in vantaggio. La squadra di mister Lucenti non si è disunita, trovando la rete del meritato pareggio con il neo acquisto Maurizio Nassi. Ottimo l’impatto degli altri neo arrivati, con il portiere Peppe Cavone che ha dato esperienza e il giovane Enrico Morales sicuro nel ruolo di centrale difensivo. Ottima anche la prova di Luigi Iapichino che quando è entrato in campo ha dato maggior peso al centrocampo biancazzurro. A fine gara mister Gaetano Lucenti era abbastanza soddisfatto della prova dei suoi ragazzi, ma, già con la testa era proiettato al derby di domenica prossima contro il Marina di Ragusa. “È stata una partita difficile come me l’aspettavo sotto il punto di vista dell’intensità. “– dice Gaetano Lucenti – Abbiamo avuto un momento di poca lucidità, in occasione del rigore preso. Per il resto la squadra, a mio modesto parere, ha tenuto bene il campo ribattendo colpo su colpo allo Scordia. Abbiamo avuto varie occasione da rete, ma, non siamo stati bravi a sfruttarle. Il pareggio, comunque, ci può stare, anche perché, alla vigilia della gara tutti auspicavamo di non perdere punti e siamo riusciti a conquistare un punto che ci avvicina al nostro obiettivo della salvezza. Sono molto contento degli esordi dei nuovi arrivati, Cavone, Morales, Iapichino e Nassi; con quest’ultimo che ci ha dato esperienza e peso in avanti e che ha realizzato la rete del pareggio. Con i nuovi innesti dovremo trovare ulteriori equilibri, ma, dobbiamo migliorare su altri aspetti, soprattutto, sulle ripartenze che non riusciamo a concretizzare. La squadra, comunque, è viva, la squadra cerca di imporsi è ha una sua identità e cercheremo di andare a Ragusa, contro il Marina a giocarci la nostra partita. Sappiamo benissimo che andremo ad affrontare una squadra in forma che viene da cinque vittorie consecutive, ma, quello di domenica sarà un derby e come tale è aperto a qualsiasi risultato. Andremo a giocare a Ragusa con la consapevolezza dei nostri mezzi, prendendo tesoro delle sconfitte subite in precedenza per continuare a fare punti e mettere fieno in cascina per il raggiungimento del nostro obiettivo”.

 

www.updsantacroce.com

 

 

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *