La Scuola Calcio del S.Croce va in vacanza. La società ringrazia e lancia un appello: “lasciamo i giovani liberi di divertirsi”

Anche la stagione 2014 / 2015 si appresta a concludersi per la Scuola Calcio del S.Croce. Boom di iscrizioni anche quest’anno e tanto divertimento per i piccoli campioni biancoazzurri che da settembre hanno regalato emozioni ed entusiasmo.

Non si sono fatti attendere, da parte della società, i ringraziamenti a tutto lo staff, partendo dal responsabile Ivano Dimartino e agli istruttori Peppe Venezia, Calogero La Vaccara, Enrico Busacca, Peppe Licitra e Gianluca Licitra.

A congratularsi con loro il direttore generale del S.Croce Claudio Agnello che ha elogiato il loro profuso impegno: “Da parte della società vanno i più sinceri ringraziamenti a tutto lo staff tecnico del settore giovanile per l’impegno
e la dedizione rivolta alla crescita di tanti giovani e bambini di S.Croce. Il loro ruolo merita un doppio riconoscimento in quanto oggi è ancora più difficile proteggere la crescita dei bambini dalle tante insidie che purtroppo può produrre questo sport a causa di noi adulti”
. Il dg biancoazzurro, oltre ad elogiare i sani principi perseguiti dallo staff, rivolge l’attenzione sul ruolo determinante che hanno gli adulti e le loro influenze, sulla10968475_379971232183103_2050553041021772650_n maturazione dei giovani. “A volte – continua Agnello – non ci rendiamo conto che siamo proprio noi adulti a trasmettere ai bambini principi deleteri per la loro maturazione. Alimentiamo false illusioni, dimostriamo troppo interesse al successo, sollecitiamo le rivalità ed esaltiamo gli aspetti competitivi di questo sport, producendo danni irreparabili sui bambini che invece devono vivere il calcio con motivazioni atte a divertirsi. Non solo gli istruttori ma tutti noi abbiamo il dovere di proteggere i giovani da queste minacce, sensibilizzando noi stessi prima di tutto. Se i giovani di oggi vogliono il successo facile e faticano a concentrarsi è principalmente per colpa nostra che tendiamo a strumentalizzare tutto confondendo le ambizioni sportive con il business. Nonostante ciò, penso che a Santa Croce siano stati fatti passi avanti sotto questo aspetto, ma noi tutti possiamo e dobbiamo fare ancora di più”.

Nella foto in alto l’intera squadra della categoria GIOVANISSIMI stag 2014/2015

FABIO FICHERA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*